Un ettaro di terreno è destinato alla coltivazione dell’ulivo, con circa 400 alberi di cui la metà ultrasecolari e la restante parte di nuovo infittimentonto di circa 15 anni di età. Vengono coltivate le varietà ITRANA, detta anche oliva di Gaeta a duplice attitudine, da olio e da tavola, nonché le varietà frantoio, leccino e moraiola.

Sono coltivati su terrazzamenti ed in terreni molto ricchi di scheletro e con un franco di coltivazione di pochi centimetri.

La Famiglio Oliviero possedeva un antico frantoio che ha prodotto olio dagli inizi del 1800 e fino al 1950, sia trasformando le olive aziendali sia quelle dei contadini della zona vesuviana.E’ possibile ammirare in azienda un antico reperto di tale attività, un torchio per spremere la sansa di olive delle officine PATTISON DEL 1911, dal peso di 40 quintali tra ferro e piatti di ghisa.

Oggi la produzione delle olive viene eseguita con un programma di lotta guidata, raccolta con ausilio di abbacchiatori, NON UTILIZZO DI RETI trasporto immediato in frantoio e molitura nei tempi ideali per ottenere un olio extravergine di oliva, con acidità che non supera mai lo 0.20%, perché viene data priorità alla raccolta con olive verdi o al massimo appena invaiate.

La molitura avviene in moderni frantoio con metodo di estrazione rigorosamente e freddo, in ciclo continuo, e nelle 24 ore dalla raccolta.

L’olio extravergine di oliva prodotto, denominato ”ANTICO FRANTOIO FUOCOMUORTO” viene venduto sfuso nelle apposite taniche ed una parte viene imbottigliato in bottiglie da ½ litro o da ¼ di litro, etichettato a norma di legge e reperibile sono in azienda.

E’ un olio grezzo, non filtrato.

Visualizza i consigli per il nostro olio